About

Mi presento..anzi no, mi presentate.

E’ difficile scrivere di me stessa. Questo blog di esercizi di scrittura serve anche a cercare di superare questo limite.

Facciamo in modo che questa presentazione venga fuori tipo inchiesta su di me. Inviatemi i vostri commenti su aspetti del mio carattere, ricordi che mettano in luce chi sono, i miei difetti (sintetizzate, non possiamo scrivere capitoli). Siate obiettivi, non mi aspetto necessariamente osservazioni positive o frasi carine di circostanza.

Certo, potrei raccontare da sola di me, ma il mio è un punto di vista, mi guardo dall’interno, mi piacerebbe una descrizione da più lati di osservazione, fornire un’immagine a tutto tondo (nel mio caso troppo tondo!).

Dai, facciamo questo gioco, aiutatemi a finire questa presentazione!

 

Annunci

6 thoughts on “About

  1. allora volendo essere sintetico ti descriverei così:
    SCHIETTA (non hai alcun problema ad esprimere il tuo pensiero ;)))))
    SEMPLICE (ti accontenti delle cose vere e genuine e riesci a star bene anche con poco)
    TESTARDA (se hai deciso una cosa, neanche UFO ROBOT ti fa cambiare idea)
    SIMPATICA ( hai una comicità intrinseca in tutto ciò che fai e questo ti fa prendere tutto nn troppo sul serio ed è un’ ottima maniera per rendere tutto più “leggero”)
    SECCHIONA (ti piace studiare ciò che ti interessa)
    CRITICA (sei un’attenta osservatrice e riesci a trovare difetti anche a Brad Pitt)
    VERA (sei una persona che non riuscirebbe mai a fingere xchè il tuo viso ti sgamerebbe)

    ovvio che ci vorrebbe un libro per raccontarvi Raffa….dico solo che se non ci fosse bisognerebbe inventarla!!!!
    TVB

  2. commentare questa parte del blog di raffaella mi fa sentire un po’ come un’estranea a una festa di famiglia… nello stesso tempo però mi sento anche un po’ chiamata in causa. quindi, dopo aver chiesto permesso, prendo la mia seggiolina e partecipo anche io alla discussione in corso.
    ho conosciuto raffaella poco alla volta. un giorno è arrivata in redazione e si è presentata al capo, ma io non c’ero. poi qualcuno mi ha detto che c’era una nuova collaboratrice, ma io non l’avevo mai vista. poi sono usciti alcuni suoi pezzi, interessanti e particolari, anche come argomento, per una neofita, visto che affrontava casi di cronaca di cui in genere non si occupano i collaboratori fin dall’inizio.
    non so perché, forse fino ad allora ci eravamo a malapena salutate da lontano, ma ho percepito in lei un’energia, un entusiasmo e anche una capacità, oltre che una voglia irrefrenabile, di fare la giornalista. di farlo nel modo vero, intendo. non come qualcuno che pensa di fare giornalismo recensendo un film o un concerto… raffaella, secondo me, era una da strada, da interviste difficili, da commenti da cogliere al volo.
    il giorno che ho avuto bisogno di avere una persona così a fianco, era accaduto un fatto di cronaca nera gravissimo, esagerato, (una montagna era crollata trascinando con sé due soccorritori che stavano cercando di recuperare due alpinisti bloccati), ho suggerito al capo il nome di raffaella.
    lei, non ne dubitavo, è stata entusiasta e si è lanciata a capofitto in questa esperienza, andando ad intervistare le persone. poi, con i suoi appunti, è venuta a scrivere gli articoli. quando ha finito, qualsiasi altro avrebbe salutato e sarebbe andato via. io ho percepito come un’incertezza, una delusione, da parte sua. quasi un “ma come, è tutto qui?”, che aleggiava nell’aria.
    le ho detto: “guarda che se vuoi puoi rimanere a vedere come si costruisce una pagina. il tuo lavoro è finito ma ora comincia il nostro, con l’impaginatura degli articoli, l’inserimento delle foto, delle didascolie, la titolazione e tutto il resto”.
    non c’è bisogno di dire che è rimasta fino a mezzanotte. ha partecipato alla costruzione dei titoli, alla correzione delle bozze, cercando imprecisioni e ripetizioni da correggere, sempre ben sveglia, attiva e piena di entusiasmo. e gratitudine, che non è poco
    non so se questo “commento” entrerà nello spazio a lui riservato. spero di sì. di raffaella potrei dire ancora tante altre cose. ma penso che questa “fotografia” della sua prima collaborazione vera, parli da sola. e che per il momento possa bastare…

    • Simona non sei affatto un’estranea ad una festa di famiglia. Non puoi neanche immaginare quanto tu mi stia spronando e aiutando, senza di te questo blog non esisterebbe, per non parlare dell’aiuto nel giornalismo! Il tuo commento mi emoziona così tanto che non riesco a trovare le parole per esprimerti la mia gratitudine e la gioia per averti conosciuta!

  3. raffa, la gioia è reciproca, credimi!
    mi pare di avertelo già detto, non impara solo chi “impara”
    ti abbraccio!

    (cavolo, due refusi nel commento sopra… non vorrei fare la perfettina, ma credo purtroppo che non si possano correggere)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...