Lettere

Mi mancano le lettere. Non quelle dell’alfabeto, parlo di scambi epistolari. Su carta non per mail o chat o social network. Eh sì, il mio romanticismo comatoso, negli ultimi tempi si esprime per nostalgie.

 Qualche giorno fa mi è venuta voglia di comprare una carta da lettere pregiata, ma alla fine ho desistito, chi apprezzerebbe? (che poi, anche in passato, abbia sempre scritto su un foglio di quaderno è un altro paio di maniche, non è mai troppo tardi per imparare un po’ di finezza!).

Gli scambi epistolari avvenivano soprattutto con amici conosciuti d’estate. Era bello tornare a casa  con l’aspettativa di trovare una sorpresa nella cassetta della posta. Correvo subito in camera a leggere famelica. Adesso, quando torno a casa, tiro dritto senza nemmeno controllare la cassetta, qualcosa c’è di sicuro, ma i mittenti  hanno nomi strani tipo enel, telecom, sorprese non proprio piacevoli.

Mi piace rileggere quelle lettere anche a distanza di tempo.  Ci si raccontava un po’ di tutto, esperienze quotidiane, piccole confessioni. Ad ogni lettera la confidenza e la fiducia reciproca aumentavano. Può succedere anche con le mail, certo, ma mi piace il tratto della penna sul foglio scritto fitto fitto. Ho impresse in mente, come se le avessi passate allo scanner, le grafie degli amici. Tracce di personalità.

In genere scrivevo a scuola, durante le lezioni (se faccio una sola cosa per volta mi deconcentro!). Il mio compagno di banco, non so perché si indispettiva, forse perché in quei momenti non ero disponibile per la battaglia navale o il tris e, ad un certo punto, mi strappava di mano la penna e la lanciava da qualche parte della classe. Allora dovevo andare a recuperarla a quattro zampe..giusto per non farmi notare dai prof..

Per un periodo io e la mia amica Ale ci siamo scritte con due ragazzi, fratelli tra di loro. Una bella amicizia. Dicevano che con i miei racconti buffi li  facevano ridere assai. L’effetto era assolutamente involontario, non partivo con quell’intenzione. Ale non si limitava a scrivere, impreziosiva le sue lettere con dei disegni bellissimi. Una volta ha disegnato gatto Silvestro con un cuore in mano e poi ci ha spruzzato su la lacca per dare un effetto più brillante al colore..insomma, ci metteva impegno lei! Quando siamo venute a sapere che quei due buttavano le lettere subito dopo averle lette per non farle trovare alla madre, Ale si è mangiata le mani per tutto il tempo perso dietro a gatto Silvestro..che risate!

Ale. Forse le ultime lettere le ho scritte proprio a lei.

Mi viene in mente la volta che in classe, il mio compagno di banco (non quello che lanciava la penna) mi piomba davanti saltellando, occupando tutto il campo visivo e così a bruciapelo mi fa : “Scrivimi una lettera con tutto quello che provi per me”. Era serio. Mi ha fatto morire dal ridere. Una lettera mai scritta. Sarebbe stato difficile. Resta sospesa tra  migliaia di discorsi senza “né capa né coda” che facciamo da quasi vent’anni.

Per non parlare delle lettere degli spasimanti! Ho sempre avuto una strana allergia a questo genere di cose, non posso farci niente. Alcuni scrivevano cose assurde, metafore improponibili, allo scopo di muovere il mio cuore, col risultato di muovere esclusivamente la mia ilarità, che già di per sé non ha bisogno di essere alimentata. Una comunicazione secca e diretta mi colpisce più della retorica inutile.

Con Mario non ci siamo mai scritti lettere, nonostante gli anni di lontananza. Lo you&me e gli sms gratis hanno inaugurato nuove forme di poesia..peccato!

Annunci

9 thoughts on “Lettere

  1. Lascia un commento……..eh…..facile (x chi sa scrivere!)!
    Mi piace così tanto leggere i tuoi scritti, quasi più che ascoltarti (non fraintendere). Quando scrivi è tutto diverso, è tutto più pieno di te, delle tue sensazioni, delle tue emozioni; me le trasmetti.
    A volte immagino di essere lì, con te, proprio mentre accade quello che mi stai raccontando!!!! Wow!!!!!
    Ma il meglio……immaginare le smorfie del tuo viso…..esilarante!!!!!!
    Ho la sensazione di conoscerti da sempre……
    P.S. Che dici, ci scriviamo?????

  2. mi piace molto questo tema. anchi io amo le lettere scritte a mano, scriverle e riceverle. nonostante la facilità delle comunicazioni ai tempi di internet e degli sms cerco sempre quando è possibile di scrivere una lettera a mano
    se devi dire una cosa importante a qualcuno, secondo me, la scrivi per lettera
    l’email è veloce ma banale
    e poi rischi che un messaggio in cui apri la tua anima finisca in mezzo a richieste di pagamenti, spam e pubblicità varie…
    conservo sempre le carte da lettera che ho ricevuto in regalo e ogni tanto le uso
    qualche tempo fa ho scritto una lettera a un amico che aveva subito un grave lutto perché mi pareva l’unico modo possibile di comunicare in una situazione del genere, non essendo possibile vedersi di persona
    allo stesso modo ho scritto lettere ogni volta che ho ritenuto importanti le cose che volevo comunicare
    una lettera rimane (se il destinario non la butta, certo)
    ultimamente ho una corrispondenza regolare con un amico di venezia che usa il computer solo per scrivere. né sms né email, allora, siccome ci tengo alla sua amicizia e a sentire i suoi racconti e le sue opinioni, ho iniziato a scrivergli lettere alle quali lui risponde volentieri
    ho scoperto però che la mia scrittura a mano dà qualche difficoltà di lettura, allora per agevolarlo scivo al computer, stampo e imbusto
    non è la stessa cosa, ma non posso costringerlo a decifrare segni e simboli ogni volta
    in questo modo perdo anche la possibilità di utilizzare quelle belle carte fiorentine o indiane o con i fiori e le cornicine che tengo in un armadietto
    vabbè, le userò in altre occasioni
    tanto le lettere, anche se molte meno rispetto alle emai, continuerò a scriverle sempre. Ciao!!!

    • Ciao Simo! È bello vedere come ogni post suggerisca altri racconti, è una scintilla,un po’ come nel gioco delle associazioni di idee. Pensando alle grafie che mettono a dura prova il lettore mi viene in mente una ragazza con l’hobby della grafologia che ho conosciuto quando facevo selezioni in un’assicurazione. Durante il colloquio,mi sono accorta che aveva riportato questo hobby nel curriculum,allora per provare la sua reazione in situazioni imbarazzanti (lì ne avrebbe viste tante!) le ho chiesto di analizzare la mia scrittura. La ragazza non si é scomposta, ha preso il foglio che le porgevo e ha iniziato la sua analisi, senza tralasciare i punti deboli del mio carattere che emergevano dalla grafia. Dal mio parere dipendeva la sua assunzione come impiegata, eppure lei non si é agitata,grande!..io avrei fatto un macello, sono troppo emotiva!
      Tornando alle lettere, anch’io penso che i contenuti importanti necessitino della scrittura a mano..siamo le ultime nostalgiche?
      Baci.

      • e quindi l’hai fatta assumere…???
        bella questa storia della grafologa.
        tanto per continuare il gioco dei vasi comunicanti, no delle associazioni di idee, avevi detto…
        beh un po’ nostalgica mi sento, non so se siamo le ultime o siamo in buona compagnia
        sarà l’età o l’eccessiva tecnologizzazione (!) dei nostri tempi ma mi piace tornare ai sapori veri e genuini di un tempo, forse il tempo della mia infanzia (già eccessivamente tecnologici per i nostri nonni, comunque)
        quindi le lettere, i lavori fatti a mano, i diari, i cibi semplici e naturali, i giochi di un tempo che fu… e via così

  3. Lasciare un commento dopo aver appena letto questo tuo scritto è abbastanza difficile……..a parte il fatto che è scritto in maniera stupenda , a mio avviso, ma il contenuto è ancora più bello in quanto condivido il tuo stesso pensiero in merito alla lettera supportata dalla carta ….leggendo mi sono emozionata poiché mi sono venuti in mente tantissimi ricordi di quel periodo ……di quanto tu ci abbia tenuto , ancora tutt’ora , ad Alessandra anche se lei non è riuscita mai a capirlo……inoltre mi accorgo che ti voglio un bene grandissimo che non ha limiti di distanza , di pensiero…..quello che provo per te non so se l’ho mai provato con un’altra persona….ci sei sempre stata e ci sarai sempre!

  4. Raffa, mi sono imbattuta per caso nel tuo blog (per caso? mica tanto: ho visto un tuo post su facebook) e non sono riuscita a fare a meno di leggere…
    prima di tutto perchè IO ero il tuo compagno di banco (o almeno lo sono stata per molto tempo) e, benchè non mi ricordi di averti buttato penne per aria, riesco a ricordare come fosse ieri tutte le risate fatteci assieme, tutte le confidenze (a proposito, chi è che ti chiese di scrivergli tutto ciò che pensavi di lui?), alcune lacrime (a pensarci ora, quanto mi fa male non esserti stata adeguatamente vicina quattordici anni fa, scusami) e i primi amori…
    e pensare che sono passati tanti anni e che oggi siamo due donne fatte e finite…
    Com’è vero che quando vuoi/hai voluto bene ad una persona, lei rimane sempre dentro di te!
    Vorrei dirti tante cose, ma forse questa non è la sede più adatta…
    TI mando un bacio forte forte,

    Irene

    • Ciao Iry!!è vero, sei stata mia compagna di banco per tanto tempo al liceo,che risate! In prima e seconda mio compagno di banco era anche Gianmaria (che fine ha fatto?) Era lui a lanciare le penne :).
      Il compagno che voleva che gli esprimessi x lettera i miei sentimenti invece non l’hai conosciuto, era alle medie, perciò la situazione era ancora più ridicola!
      Quattordici anni fa mi hai aiutata più di quanto immagini,forse non ti ho mai ringraziata opportunamente.
      Un abbraccio fortissimo!
      Qualche giorno dovremmo fare una bella chiacchierata al tel come ai vecchi tempi (certo di presenza sarebbe meglio!).

      • Non vedo l’ora, davvero!
        Quanto a Gianmaria, purtroppo non ne ho notizie da moltissimi anni ma, in compenso, il 26 ho avuto modo di rivedere tanti dei nostri compagni di classe e di conoscere la meravigliosa bimba del Pesante!
        Ti aspetto, e speriamo di riuscire a rivederci presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...